Scuola Cadorna

La scuola media Cadorna è attualmente organizzata in quattro corsi di cui uno a tempo prolungato (36 ore settimanali), due a indirizzo musicale (…) e un corso ordinario (30 ore settimanali). Dall’anno scolastico 2017-2018 è stato attivato sul tempo prolungato la sperimentazione MODI (Miglioramento Organizzazione Didattica). 

 

Indirizzo musicale

Presentazione

Il corso ad indirizzo musicale è stato attivato presso la Scuola Media L. Cadorna a partire dall’anno scolastico 2007/2008.

Le attività del corso costituiscono un ulteriore momento di formazione globale dell’individuo fornendo, attraverso l’esperienza dello studio di uno strumento musicale, occasioni di maturazione logica, espressiva e comunicativa. Si offre pertanto la possibilità ad alunni con interessi musicali di frequentare un corso triennale di strumento.

Per tutta la durata del ciclo scolastico gli studenti ammessi parteciperanno a lezioni individuali e collettive, quali coro, orchestra e musica d’insieme. Durante la lezione individuale si approfondiscono gli aspetti legati all’acquisizione delle specifiche tecniche strumentali, mentre le lezioni collettive sono le metodologie privilegiate della scuola Cadorna. L’aspetto performativo, la partecipazione a rassegne musicali, concorsi, saggi e manifestazioni, spesso in collaborazione con altri Enti musicali e culturali, sono infatti da anni punto d’eccellenza del corso musicale.

La partecipazione alle attività musicali è gratuita, la disciplina strumento musicale affianca quelle tradizionali e a fine quadrimestre risulteranno le valutazioni sulla scheda personale degli alunni, al pari delle altre materie.

Nella nostra scuola sono attualmente attivi otto corsi di strumento: chitarra, flauto traverso, pianoforte, clarinetto, percussioni, tromba, violino e violoncello.

La scelta dello strumento non è effettuata preventivamente in fase di iscrizione degli alunni, ma risulterà dalle prove attitudinali e dalle indicazioni raccolte in sede di colloquio.

Per iscriversi al corso ad indirizzo musicale non occorre una precedente conoscenza musicale; è però necessario che gli allievi, prima dell’ingresso nella Scuola Media, sostengano una prova attitudinale. Il test prevede alcune prove adatte rilevare le potenzialità percettive e ritmiche dei candidati e un breve colloquio per individuare aspirazioni, motivazioni e preferenze personali degli alunni nei confronti di uno strumento o abilità strumentali già acquisite.

L’equipe dei docenti di strumento è stabile e, negli anni, ha elaborato una didattica efficace, coordinata e di stretta collaborazione.

 

Offerta formativa

Orchestra grande (I II III)

4 ore settimanali tenute dal Prof. Davide Merlino e dal Prof. Paolo Milesi

Nell’orchestra grande confluiscono tutte le 8 classi di strumento. Una sfida per insegnanti e allievi per poter imparare insieme a raggiungere un obiettivo comune: suonare divertendosi.

Il corso ad indirizzo musicale dell’Istituto Comprensivo di Verbania Pallanza ha sempre dato grande rilievo all’attività di musica d’insieme, attraverso piccole formazioni, ma soprattutto con la grande Orchestra che riunisce insieme tutti gli alunni. Si realizza così l’esperienza socializzante, la capacità e il gusto del vivere in gruppo, l’accettare le regole, il rispettare le idee degli altri, il dare il meglio di sé per raggiungere l’obiettivo comune, l’esecuzione di un brano musicale o di un intero concerto. Considerato che i ragazzi sviluppano le loro capacità strumentali in maniera individuale e che ogni strumentista ha tempi e modalità d’apprendimento diversi, le orchestrazioni e il repertorio sono sempre stati accuratamente calibrati nel rispetto della crescita strumentale della compagine. Per permettere il raggiungimento di tale obiettivo, la singola parte da suonare in orchestra è inserita nel programma di studio strumentale, discussa musicalmente con il Docente di strumento, sviluppata e perfezionata tecnicamente. L’allievo, seguendo questa metodologia, suonerà al suo livello e contribuirà realmente all’esecuzione del gruppo, mettendo in campo tutto quello che può dare; ciò ha sempre permesso un’omogenea crescita comune e una performance di primissimo livello.

Coro (I)

4 ore settimanali tenute dalla Prof.ssa Enrica Pletti e dal Prof. Tiziano Sarasini

La coralità come forma di aggregazione, per stimolare i ragazzi a “tirar fuori il se,” mettendolo in relazione con il gruppo classe.

Per i ragazzi delle classi prime della Scuola Cadorna si organizza un’attività corale seguita dagli stessi insegnanti di strumento. Tale attività è un passaggio necessario e propedeutico al percorso dell’Indirizzo Musicale, in quanto tende a sviluppare diverse abilità nei ragazzi quali la socializzazione, lo sviluppo di capacità logiche, espressive e comunicative, la capacità di controllo degli aspetti emotivi e la crescita dell’autostima. Inoltre essa rappresenta un processo formativo molto importante nello sviluppo della personalità e di abilità musicali di base: nel corso dell’anno scolastico gli alunni possono fare esperienza di partecipazione a concerti e concorsi supportati dall’orchestra delle classi seconde e terze o dall’accompagnamento del pianoforte. L’attività viene svolta all’interno del curricolo scolastico ed è seguita da Enrica Pletti e Tiziano Sarasini.

Orchestra da Camera fiati percussioni pianoforti (II III)

4 ore settimanali tenute dal Prof. Davide Merlino dal Prof. Paolo Milesi e dal Prof. Damiano Morellini

L’ensemble propone brani originali per wind orchestra arrangiati dal Prof. Milesi per il nostro organico, che è quello di una banda addizionata con alcuni pianoforti.

Orchestra da Camera archi chitarre pianoforti (II III)

4 ore settimanali tenute dalla Prof.ssa Alice Frigione dal Prof. Christian Cocolicchio e dal Prof.(violoncello)

Orchestra TuttArchi (II III esterni)

2 ore mensili in calendario per il secondo quadrimestre, tenuto dalla Prof.ssa Alice Frigione

Dall’a.s. 2017/2018 l’orchestra archi delle classi seconde (violini/violoncelli/chitarre/pianoforti) e l’orchestra archi delle classi terze, in via sperimentale e a partire dal secondo quadrimestre, si uniscono per lavorare insieme ad alcuni brani di repertorio comuni costituendo il gruppo “TuttArchi” un insieme stimolante per i ragazzi, un momento di condivisione dalle sonorità più ricche. Al fine di poter creare questi momenti condivisi e preparare i brani che saranno eseguiti al concerto di fine anno, vengono calendarizzate alcune prove comuni di due ore ciascuna svolte in orario di servizio previa flessibilità oraria dei docenti di strumento.

Il gruppo TuttArchi prevede anche l’eventuale partecipazione di qualche allievo esterno che avrà piacere di unirsi.

Il programma sarà scelto e condiviso con i colleghi in base al livello tecnico delle singole sezioni strumentali che formano il gruppo.

Ensemble TuttOttoni (II III)

2 ore alla settimana in orario, tenuto dal Prof. Damiano Morellini.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • l’interazione all’ interno di un gruppo di strumenti della stessa famiglia (tromba, trombone, baritono) in modo da sfruttare le capacità timbriche e armoniche degli stessi.
  • approfondire la conoscenza del repertorio degli ottoni dal Rinascimento ad oggi attraverso brani originariamente composti per gruppi di ottoni (trio, quartetto, quintetto, sestetto ,ecc).
  • collocare le proprie esperienze e capacità personali all’interno di un gruppo più ristretto dell’orchestra ma che permette di raggiungere piena consapevolezza del tappeto armonico orchestrale grazie ad alcune trascrizioni ad hoc.

Ensemble Percussioni (I II III)

3 ore alla settimana in orario, tenuto dal Prof. Davide Merlino

L’ensemble di percussioni ha una letteratura strettamente legata al ‘900 e in queste ore si analizzeranno facili partiture e verranno scritti degli arrangiamenti ad hoc sulle richieste dei ragazzi e seguendo le capacità dei singoli componenti.

Obiettivi:

  • Permettere agli allievi di interagire all’ interno di un gruppo di strumenti della stessa famiglia.
  • Preparare un piccolo recital per percussioni.
  • L’ensemble prevede poi una continuità dopo la secondaria, inserendo gli allievi meritevoli nell’Orchestra di Percussioni Waikiki.

Ensemble “Ocarine Monti Stella”

2 ore alla settimana in orario, tenuto dal Prof. Paolo Gavelli

Rivolto alle classi seconde e terze Scuola media Cadorna indirizzo musicale a continuità progetto Erasmus a.s. 2016\ 2017.

Proposta aperta anche alle altre classi della Scuola media Cadorna su segnalazione Prof. Milesi.

Il progetto tende alla costituzione di un ensemble adatto a esecuzioni all’aperto o di rappresentanza dell’Istituto.

Autonomo e agile, non necessita impegnative movimentazioni di personale e mezzi; il complesso utilizza ocarine e chitarre; a progetto si aggiungeranno trombe, percussioni.

Obiettivi:1- Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico.

  • Utilizzare e produrre testi multimediali.
  • Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici attraverso il confronto fra epoche, aree geografiche e culturali.
  • Collocare l’esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento.
  • Partecipare a ricerche musicologiche e storiche adeguando le proprie modalità operative per il raggiungimento di un progetto comune.
  • Acquisire ed interpretare in modo adeguato il messaggio estetico insito nella musica tradizionale italiana.

Coro e Orchestra Soundpainting

1 ora alla settimana in orario, tenuto dal Prof. DavideMerlino

La tecnica di Soundpainting è una nuova via della didattica rivolta al gruppo vocale e strumentale. Utilizzando una serie di gesti codificati si accompagneranno i ragazzi verso la produzione di musica senza spartito, in una sorta di improvvisazione collettiva.

Obiettivi:

  • I ragazzi imparano a seguire i gesti del direttore.
  • L’ensemble vocale/strumentale diventa omogeneo, dovendo reagire come un unicum agli stimoli dati
  • Si impara a liberare il corpo e la mente da strutture e blocchi dovuti all’imbarazzo tipico di questa età. 

 

Sperimentazione MODI

Si chiama MODI e sta per Migliorare l’Organizzazione Didattica. Si tratta di una nuova metodologia di classe strutturata dal pedagogista e funzionario del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca all’Ufficio scolastico provinciale Raffaele Ciambrone. Il progetto mira ad un miglioramento generale delle condizioni che favoriscono l’apprendimento e ad un innalzamento della qualità degli interventi educativo-didattici per tutti gli alunni, in un’ottica inclusiva. La sperimentazione prevede di abbandonare la tradizionale e rigida modalità organizzativa, che vede l’alternarsi continuo degli insegnanti, a favore di un maggior rispetto dei cicli di apprendimento dello studente. Interrompere un argomento per riprenderlo due o tre giorni dopo, se non la settimana successiva, secondo Ciambrone significa per l’allievo stratificare contenuti non coerenti tra loro, con la conseguenza di un eccessivo sovraffaticamento cognitivo e, in generale, di un sovraccarico di lavoro. Per questo la sperimentazione propone di affrontare un argomento senza interruzioni e di non abbandonarlo finché non è stato ben acquisito. Gli obiettivi del progetto sono: lo sviluppo delle potenzialità e l’accrescimento delle competenze e, allo stesso tempo, il benessere degli studenti, dei docenti e delle famiglie coinvolte nei processi formativi. L’azione progettuale pone, quale premessa, l’individuazione di fattori strategici per il successo formativo e il benessere a scuola, molto spesso elusi o trascurati sebbene determinanti. Attraverso questa sperimentazione si vuole eliminare la standardizzazione dell’intervento educativo e individuare i giusti presupposti per poter operare nella cornice fornita da una nuova organizzazione didattica. A tal proposito il progetto cerca di stimolare e di accrescere la competenza psicopedagogica degli insegnanti, fornendo indicazioni operative per un’indagine delle caratteristiche individuali dei loro alunni attraverso azioni mirate, quali:

  • frammentazione vs compattazione degli insegnamenti
  • ottimizzazione del tempo scuola
  • competenze psicopedagogiche dei docenti, stili di apprendimento
  • didattica inclusiva
  • ambienti di apprendimento
  • benessere a scuola
  • sviluppo delle competenze, accrescimento delle facoltà individuali.

L’organizzazione didattica si basa principalmente su una didattica che integra attività teoriche e riflessive con altre più operative e manuali attraverso l’organizzazione di unità di apprendimento che superano la frammentazione delle discipline, offrono la possibilità di lavorare prevalentemente a scuola superando la necessità di assegnare compiti da svolgere a casa.

© 2018 Argo Software - Portale realizzato con la piattaforma Argo Web - Template Italia configurato sul tema accessibile EduTheme V.2.2 (Mercury)